Canadian: 2.800 moduli per 605 kWp in Danimarca

Canadian Solar ha annunciato la fornitura di 2.800 moduli solari per la più grande copertura finora realizzata in Danimarca, in particolare a Virum, con una potenza di 605 kWp. “Questo progetto segna un grande passo in avanti nei confronti del mercato fotovoltaico danese», ha dichiarato Shawn Qu, chairman e ceo di Canadian Solar. «L’energia solare offre un grande potenziale in particolare in Paesi con una struttura decentralizzata come la Danimarca con le sue tante isole di piccole dimensioni»

La più grande centrale solare del mondo produce energia con i moduli Canadian Solar

Canadian Solar, uno dei principali produttori globali di moduli fotovoltaici distribuiti da Galeo Energy, ha fornito 636.000 moduli solari destinati al più vasto complesso solare mondiale, situato nel Land del Brandeburgo, nel Sud della Germania. Canadian Solar ha fornito 148 MW dei 166 MW totali della centrale che è costituita da tre sotto-sistemi:

  • Schipkau
  • Senftenberg I
  • Senftenberg II/III.

Il sistema Senftenberg II/III è sorto in tre mesi su una superficie di 200 ettari adibiti in passato alla miniera di Meuro. L’investimento di circa 150 milioni di euro è stato finanziato da tre istituti bancari tedeschi. In tutto, sono stati dedicati 24 ettari di superficie al di fuori del sistema fotovoltaico per le allodole e le file dei moduli sono state integrate nell’ambiente grazie a cinture che proteggono dal vento e che riprendono l’habitat naturale, garantendo un luogo ideale per accogliere uccelli e altre specie faunistiche. Anche la progettazione della manutenzione dell’area ha tenuto conto della protezione di piante e animali.

Da Canadian Solar una guida ricca di consigli utili per la manutenzione degli impianti fotovoltaici

Anche se il più delle volte le precipitazioni puliscono i moduli solari, è possibile seguire alcune semplici regole di base per preservarne la resa

Cosa fare per preservare il funzionamento del proprio impianto? Canadian Solar ha realizzato una lista di consigli pratici che contribuiranno a garantire il massimo livello di efficienza del sistema:

1) Controllare il sistema con cadenza annua contribuisce a prevenire onerosi blocchi o guasti. I mesi freddi possono causare sofferenze alla sottostruttura di supporto e ai moduli a causa del peso delle nevicate e per le forti variazioni termiche. Proprio per questo, è consigliabile verificare l’installazione prima del periodo di massima produzione per garantirsi poi un’elevata efficienza e produttività.
2) Tenere costantemente sotto controllo il rendimento dei moduli e del sistema fotovoltaico. Gli strumenti di monitoraggio centralizzano la rilevazione e la lettura dei principali dati di un’installazione, ad esempio l’energia prodotta, l’irraggiamento e la temperatura.
3) In assenza di strumenti di monitoraggio delle prestazioni è opportuno confrontare i dati delle proprie installazioni con quelli degli impianti presenti nel territorio circostante o con i valori contenuti nei database reperibili su Internet. Questo permette di comprendere come sta funzionando il sistema fotovoltaico e la resa che esso fornisce.
4) L’inquinamento è un altro possibile ostacolo al rendimento delle installazioni solari. Se polline e polveri possono essere eliminati dalle piogge, è importante rimuovere in tempi brevi foglie ed escrementi di volatili dai moduli fotovoltaici soprattutto nei casi di installazioni situate in aree agricole e in zone di campagna. Gli accumuli interessano inizialmente il modulo di fondo o la struttura del collettore dove si depositano vegetali come alghe e licheni che a loro volta trattengono la polvere atmosferica usandola come mezzo di coltura. Le foglie rappresentano un elemento di particolare disturbo in termini di performance per via delle loro dimensioni molto estese. Per contrastare questo problema si possono installare delle spazzole con setole morbide e flessibili.
5) I proprietari delle installazioni devono eseguire regolarmente dei controlli visivi per rilevare eventuali danni, la presenza di sporco oppure ombre indesiderate. Un pannello rotto riduce sensibilmente le performance elettriche del modulo. Tuttavia è importante adottare le giuste misure precauzionali per evitare di danneggiare l’installazione; per evitare incidenti è bene assicurarsi che tutte le misure di sicurezza siano rispettate prima di salire su un sistema montato su un tetto inclinato. In particolare, quando vi è presenza di acqua va evitato qualsiasi contatto diretto con componenti elettriche, a seconda della tipologia del sistema.
6) Per la pulizia dei pannelli non vanno usati strumenti per il lavaggio a pressione, diluenti né sostanze pulenti particolarmente aggressive. Inoltre, è consigliabile evitare detergenti domestici.
7) Infine, per evitare problemi futuri è consigliabile verificare sempre la garanzia del prodotto e delle performance fornita dal fabbricante del modulo fotovoltaico che si decide di installare. Canadian Solar garantisce un rendimento lineare sulla potenza del modulo per un periodo di oltre 25 anni e i suoi moduli offrono una potenza non inferiore al 97% per il primo anno, mentre successivamente la diminuzione della potenza sarà garantita intorno allo 0,7%.

Inoltre, Canadian Solar offre una garanzia di prodotto che copre fino a 10 anni i difetti sulla lavorazione e sui materiali.

Pagina successiva »